Obiettivo impatto zero.

Se ci chiedono di cosa si occupa Samandel, possiamo rispondere “di efficienza energetica e fonti rinnovabile”, ma in senso più ampio si può rispondere che ci occupiamo di sostenibilità ambientale. Cos’è la sostenibilità? Le definizioni sono tante, quella più famosa recita “lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri”. (Our common future, 1987).

Un’altra definizione dice che “lo sviluppo sostenibile è la capacità della nostra specie di riuscire a vivere, in maniera dignitosa ed equa per tutti, senza distruggere i sistemi naturali da cui traiamo le risorse per vivere e senza oltrepassare le loro capacità di assorbire gli scarti e i rifiuti dovuti alle nostre attività produttive.” (WWF)

La sostenibilità quindi non è solo un concetto legato all’ambiente, ma anche alla società e all’economia.

Si dice che esistono “tre pilastri”: sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Sostenibilità ambientale significa non esaurire le risorse naturali del pianeta, non distruggere gli ecosistemi. Sostenibilità economica significa garantire efficienza economica e giusto reddito alle imprese, nel tempo. Sostenibilità sociale significa garantire il rispetto dei diritti umani, un lavoro e un reddito dignitoso per tutti.

Grazie ai progetti di efficienza energetica e produzione di energia da fonti rinnovabili che realizziamo, contribuiamo a ridurre l’inquinamento e le emissioni di gas serra e facciamo risparmiare risorse economiche ai nostri clienti. Per questo possiamo rispondere che Samandel contribuisce allo sviluppo di 2 dei 3 pilastri.

Se facciamo questo lavoro è perché crediamo fortemente nel ruolo determinante di ogni società, azienda, essere umano per realizzare una svolta verso la sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Il nostro impegno concreto!

Per testimoniare quanto crediamo nel valore della sostenibilità, abbiamo deciso di dare il buon esempio, concretamente. Abbiamo calcolato la nostra carbon footprint di organizzazione per l’anno 2019 (secondo le regole della norma internazionale ISO14064-1) e abbiamo compensato le tonnellate di emissioni di CO2eq prodotte dalla nostra attività, acquistando un equivalente quantitativo di carbon credits certificati Gold Standard.

Cos’è la carbon footprint?

La carbon footprint o impronta di carbonio, è un indicatore che esprime la quantità di emissioni di gas serra prodotte dal funzionamento di un’organizzazione, di un evento o dalla realizzazione di un bene e servizio. Una volta che si è calcolata la carbon footprint (attività che abbiamo svolto in modo rigoroso affidandoci a dei professionisti) è possibile realizzare delle azioni dirette per ridurla e infine compensare quelle emissioni che non si possono evitare.

La compensazione consiste nell’acquistare la riduzione delle emissioni realizzata da un altro progetto: se ad esempio in un paese africano viene installato un impianto fotovoltaico che produce energia elettrica pulita invece di utilizzare un generatore a gasolio, quelle emissioni risparmiate possono essere acquistate per compensare le proprie. La CO2 infatti si accumula nell’atmosfera tutta assieme, quindi non importa se il posto in cui viene emessa e quello in cui viene risparmiata sono distanti anche migliaia di chilometri.

I carbon credits

Non tutti i carbon credits però sono uguali: quelli che possono vantare il marchio Gold Standard, derivano da progetti di riduzione delle emissioni che hanno un impatto positivo anche sulla sostenibilità sociale ed economica dei territori e delle popolazioni del luogo in cui vengono realizzati. Questo significa maggior attenzione non solo alla sostenibilità ambientale ma anche a quella economica e sociale.

Strategia per il clima

Sulla base dei risultati della carbon footprint abbiamo intrapreso una serie di azioni per ridurre direttamente il nostro impatto ambientale, tra cui:

  • l’adozione di una nuova policy aziendale per limitare le trasferte e le emissioni dei tragitti casa-ufficio a favore di interventi di smart working;
  • la riduzione dell’uso della carta sia per uso interno che per l’attività commerciale;
  • la sottoscrizione di forniture elettriche per i nostri uffici con solo energia elettrica garantita da rinnovabili;
  • l’adozione di autovetture aziendali ibride.

Ogni anno aggiorneremo il calcolo della carbon footprint per verificare di quanto siamo riusciti a ridurla e compenseremo le emissioni che non siamo riusciti ad abbattere, acquistando carbon credit certificati.

Risultati della carbon footprint

La nostra impronta di carbonio è un po’ speciale, infatti la parte più grande di emissioni è dovuta ai consumi energetici di impianti che sono di nostra proprietà, ma sono in uso ai nostri clienti. Questo è tipico delle attività di una ESCo come noi: attraverso i contratti EPC, infatti, realizziamo a nostre spese interventi di efficienza energetica negli stabilimenti dei nostri clienti. Dal momento che per tutta la durata del contratto quegli impianti sono formalmente di nostra proprietà, le loro emissioni sono conteggiate nella nostra carbon footprint.

Un elemento che rende la nostra carbon footprint speciale è che, mentre consumiamo energia, la stiamo anche risparmiando. I contratti di rendimento energetico, infatti, si reggono sul risparmio energetico che realizzano.

1 tonnellata di CO2 che “pesa” sulla carbon footprint di Samandel alla voce “off site”, senza il nostro intervento sarebbero 2,3 o 4 tonnellate di CO2 da considerare nella carbon footprint del nostro cliente.

Inoltre, con le trasferte o le auto aziendali, i nostri tecnici e commerciali girano l’Italia per realizzare anche impianti a fonti rinnovabili, che contribuiscono alla riduzione complessiva delle emissioni!

In pratica Samandel si prende un po’ sulle spalle il peso delle emissioni dei propri clienti.

Se stipulate con noi un EnPC non solo avrete un impianto moderno, non solo ridurrete le vostre spese, ma sposterete anche una fetta delle vostre emissioni su di noi. Più di così!

Indicatore sintetico

Per descrivere questa situazione speciale, abbiamo individuato un indicatore sintetico che mette a confronto le emissioni prodotte che abbiamo prodotto con quelle che abbiamo evitato grazie ai nostri progetti di efficienza e rinnovabili. Questo valore per il 2019 è pari a 0,51. Ciò significa che per ogni tonnellata che abbiamo emesso, abbiamo evitato l’emissione di 2 tonnellate!

Ma non ci fermeremo… prendeteci gusto anche voi!