Qualche settimana fa Italia Solare (associazione nazionale, senza scopo di lucro, che difende lo sviluppo della filiera fotovoltaica) e Ater (Associazione tecnici energie rinnovabili) hanno inviato al presidente del consiglio Giuseppe Conte una proposta, articolata in 9 punti, per rilanciare l’economia del nostro paese.

Cogliere, nel momento difficile che stiamo attraversando, l’occasione per puntare ad una svolta “green” sempre più necessaria.

“Una serie di interventi ben mirati, praticamente tutti a costo zero […] consentirebbero al nostro settore di creare oltre 100mila posti di lavoro contribuendo anche in modo significativo alla ripresa del PIL nazionale dopo il tremendo rallentamento di questo drammatico periodo”. Queste le parole del presidente di Italia Solare, Paolo Rocco Viscontini, e del presidente di Ater, Simone Bonacini.

Le proposte:

  1. Modifica sostanziale della legge sui controlli degli impianti fotovoltaici incentivati. Sospendere la finalizzazione del Decreto Controlli, sbloccare immediatamente i pagamenti congelati degli incentivi senza alcun onere per i cittadini.
  2. Partenza rapida ed efficace delle Comunità Energetiche. Massima velocità e impegno affinché vengano varate tutte le norme che permettano l’attuazione delle Comunità Energetiche in tempi certi e con modalità chiare, semplici ed efficaci.
  3. Riattivazione del meccanismo della cessione del credito con modalità attente alla tutela di artigiani e piccole imprese. Per dare nuovo slancio al settore tutelando tutti gli attori della filiera, con particolare riferimento alle PMI.
  4. Sblocco e velocizzazione degli iter autorizzativi per i nuovi impianti fotovoltaici, a partire dagli impianti fotovoltaici a terra associati ad attività agricole e pastorizie. Un intervento rapido ed efficace per accelerare gli iter autorizzativi per i nuovi impianti fotovoltaici, bloccati oggi a livello regionale.
  5. Agevolazione (lato autorizzazioni e lato GSE) per revamping e repowering di impianti fotovoltaici esistenti. Il revamping degli impianti fotovoltaici deve essere promosso e agevolato dallo stesso GSE tramite importanti semplificazioni, il repowering degli impianti fotovoltaici esistenti deve poter avvalersi di procedure semplificate che non prevedano autorizzazioni.
  6. Effettiva reintroduzione del meccanismo dei TEE (Titoli di Efficienza Energetica, detti anche Certificati Bianchi) a sostegno degli impianti fotovoltaici. Durante la loro applicazione hanno dimostrato di essere un valido strumento per lo sviluppo del fotovoltaico.
  7. Supporto alla diffusione degli accumuli elettrochimici e della mobilità elettrica. Lo sviluppo della mobilità elettrica passa necessariamente dalla creazione di una infrastruttura capillare che porta con sé enormi vantaggi economici ed ambientali.
  8. Immediato sblocco alla riforma del dispacciamento e di tutte le soluzioni di partecipazione degli impianti fotovoltaici al mercato dell’energia e ai servizi di rete. Per massimizzare l’efficacia del contributo della fonte solare, e al fine di valorizzarne appieno le potenzialità, è indispensabile garantire pieno accesso ai mercati dei servizi.
  9. Introduzione dei presupposti utili a consentire l’offerta di prezzi dinamici e tariffe differenziate in base alle ore di consumo per massimizzare l’uso dell’energia rinnovabile. Le tariffe di rete dovrebbero essere differenziate a seconda dell’ora di utilizzo in modo da avere valori più bassi quando si verifica un eccesso di offerta di energia e rendere più conveniente l’acquisto di energia nelle ore in cui producono le rinnovabili, secondo una logica di mercato che dà benefici senza causare alcun costo addizionale al sistema.

La Mission di Samandel è la diffusione di uno sviluppo energetico etico e sostenibile, supportando le imprese nell’adozione di soluzioni per la produzione, conservazione e utilizzo di energia pulita e sicura.

Mai come in questo momento storico i modelli di sviluppo devono perseguire sostenibilità economica, efficienza energetica, miglioramento della qualità della vita e salvaguardia del mondo che ci ospita.

Sei pronto a diventare protagonista di questa svolta? Contattaci! Noi abbiamo un piano!